vista di una cittàIl problema dell’inquinamento e della difesa dell’ambiente tocca da vicino tutti i cittadini. Tutelare le città, tuttavia, non è sempre facile soprattutto quando si tratta di metropoli o aree urbane ad alta densità di popolazione.

Lo smog il principale fattore d’inquinamento delle città

Secondo gli esperti le città italiane non sono molto vivibili anche perché l’inquinamento causato dai gas delle auto è in costante aumento. L’emissione di CO2, insomma, rappresenta la prima causa di malessere delle città italiane. Allo smog, poi, va ad aggiungersi la mancanza di spazi verdi che spesso vengono eliminati n favore della costruzione di nuovi centri urbani con una conseguente diminuzione di aree verdi. In questo modo, le città italiane stanno diventando sempre meno vivibili soprattutto per bambini ed anziani. La mancanza di aria pura, i tassi in inquinamento in costante crescita e la diminuzione delle aree verdi sono solo alcune delle cause che stanno rendendo invivibili la maggior parte delle città italiane.

Perché le città sono invivibili

Ai tradizionali problemi d’inquinamento, tuttavia, si aggiungono quelli legati alla sicurezza delle strade e – quindi – a quella dei cittadini. Mancano, in effetti, piste ciclabili, parchi giochi e zone a traffico limitato che sono comunque indispensabili per promuovere una purificazione dell’aria. Sono tante, ad ogni modo, le iniziative proposte – tanto a livello provinciale che nazionale – per favorire la tutela ambientale delle città. Le targhe alterne, ad esempio, sono una delle strategie adottate dalle principali città italiane per ridurre l’emissione di smog da parte delle automobili. In sostanza, l’amministrazione comunale di ogni città stabilisce alcuni giorni del mese in cui circolano solo autovetture con targhe pari e altri giorni in cui possono camminare macchine con targhe dispari. In un primo momento, questa strategia ha funzionato realmente e lo smog è lievemente diminuito; tuttavia, in alcuni periodi dell’anno le targhe alterne sono solo un palliativo che serve poco o nulla a risanare lo stato di salute dell’aria nelle metropoli italiane.

Il sogno di una città pulita

In alternativa, però, c’è sempre la campagna e – in generale – il territorio immediatamente fuori le grandi città che sta diventando meta di tanti cittadini che scelgono di abbandonare il caos cittadino per inseguire il sogno di una vita più pulita.

Immagine: keremberk – FotoliaSimilar Posts:

Tags: , ,

L’unione astronomica internazionale

Organismo forse poco noto al grande pubblico, l’Unione Astronomica Internazionale (IAU) riunisce le società astronomiche di tutto il pianeta. Fondata […]

Il XXXI Congresso Geografico Italiano

Sarà la “Città contemporanea” l’argomento centrale dei lavori del Congresso Geografico Italiano 2012, promosso dagli Atenei della città di Milano […]

Le esposizioni universali dal 1851 a quella del 2012 in Corea

Le esposizioni universali sono grandi eventi a carattere internazionale che, a partire dal XIX secolo, sono stati organizzati nelle più […]

Torre Eiffel: opera ereditata dall’esposizione universale del 1889

Torre eiffel parigi

La Torre Eiffel è uno dei monumenti simbolo della città di Parigi, situata davanti a Pont d’Iéna, fu inaugurata nel […]